Brian Festival - Arsenale Cinema

Brian Festival

Da Mercoledì 22 Novembre 2017 a Mercoledì 29 Novembre 2017

L’UAAR (Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti) assegna dal 2006 uno dei premi collaterali alla Nostra d’Arte Cinematografica di Venezia: il “Premio Brian” (omaggio all’indimenticabile “Brian di Nazareth” dei Monty Python), destinato a “un

film che evidenzi ed esalti i valori dal laicismo, cioè la razionalità, il rispetto dei diritti umani, la democrazia, il pluralismo, la valorizzazione delle individualità, le libertà di coscienza, di espressione e di ricerca, il principio di pari opportunità nelle istituzioni pubbliche per tutti i cittadini, senza le frequenti distinzioni basate sul sesso, sull’identità di genere, sull’orientamento sessuale, sulle concezioni filosofiche o religiose”. In occasione del trentennale della fondazione dell’UAAR, i circoli di Pisa e Livorno, in collaborazione con Arsenale Cinema, propongono il “Brian Festival”, una rassegna di alcuni dei film più significativi vincitori del premio. Apre la rassegna The Farewell Party (Mita Tova) di Tal Granit e Sharon Maymon premiato nel 2014, inedito in Italia, film che propone il tema dell’eutanasia superando, con grande intelligenza e senso dell’umorismo, tabù religiosi e luoghi comuni. Segue La ragazza del mondo di Marco Danieli, che attraverso una storia d’amore affronta il problema del condizionamento esercitato dalla religione. Ancora sul tema del termine della vita Bella addormentata di Marco Bellocchio, premiato nel 2012. Infine, a dicembre verrà proposto, I baci mai dati di Roberta Torre, premiato nel 2010, film che mostra con uno sguardo disincantato e notevole umorismo la “generazione spontanea” di un miracolo


The Farewell Party

di Sharon Maymon e Tal Granit

Un gruppo di amici in una casa di riposo a Gerusalemme costruisce una macchina per l’eutanasia per aiutare un amico malato terminale. Quando comincia a spargersi la voce sull’esistenza di questa macchina, sempre più persone iniziano a cercare il loro aiuto e, a quel punto, il gruppo di amici si trova di fronte a un dilemma.

La ragazza del mondo

di Marco Danieli

Quello di Giulia è un mondo antico e sospeso, fatto di rigore e testi sacri, che esclude con ferocia chi non vi appartiene. Quello di Libero è il mondo di tutti gli altri, di chi sbaglia, di chi si arrangia cercando un'altra possibilità e di chi ama senza condizioni. Quando Giulia incontra Libero scopre di poter avere un altro destino, tutto da scegliere. La loro è una storia d'amore purissima e inevitabile e per i due ragazzi inizia un intenso periodo di vita insieme, scelta che comporterà a Giulia una totale esclusione dal mondo dei Testimoni di Geova al quale appartiene. Libero farà a Giulia il dono d'amore più grande di tutti: la libertà di appartenere al mondo, un mondo nuovo, luminoso e pieno di futuro.
loading...