Dalì - Il sogno del classico - Arsenale Cinema

Dalì - Il sogno del classico

Da Lunedì 23 Gennaio 2017 a Martedì 31 Gennaio 2017

Fino al 5 Febbraio nella splendida cornice di Palazzo Blu sarà presente la mostra “Dalí. Il sogno del classico” che propone al pubblico la grande opera del maestro spagnolo, attraverso una selezione mirata di importanti opere che mostrano la grande ispirazione che Dalì trae dalla tradizione italiana e dai grandi Maestri soprattutto rinascimentali. Per l'occasione l'Arsenale propone ai suoi soci la possibilità di visitarla a prezzo ridotto, e una rassegna dedicata al rapporto tra Salvador Dalì e il cinema. Presentando presso la cassa di Palazzo Blu la tessera socio Arsenale si avrà diritto ad un biglietto ad ingresso ridotto comprensivo di audioguida a 10 €. Due invece le proposte cinematografiche, Io ti salverò di Alfred Hitchcock e una serata con Un chien andalou e L'âge d'or di Luis Buñuel musicati live. Protagonista del capolavoro di Hitchcock, cui Dalì ha contribuito con la scenografia del sogno, è la giovane dottoressa Petersen, assistente in una casa di cura per malati di mente, che un giorno apprende che il Dr. Edward, noto scienziato, è stato nominato direttore in sostituzione del Dr. Fleury. Giunge il nuovo direttore ma un complesso di indizi molto seri fanno pensare alla dottoressa di trovarsi di fronte ad un caso di sostituzione di persona. Dopo qualche giorno il nuovo direttore le confessa di non essere il Dr. Edward, ma un assassino.

Martedì 31 alle 21.00 Giada Turini sonorizzerà live Un chien andalou con computer e ambienti di programmazione sonora, mentre la drum machine e i sintetizzatori di Nicola Corsini con l'aiuto di Andrea Caracciolo alla chitarra musicheranno L'âge d'or.


Io ti salverò

di Alfred Hitchcock

La giovane dottoressa Petersen, assistente in una casa di cura per malati di mente, apprende un giorno che il Dr. Edward, noto scienziato, è stato nominato direttore in sostituzione del Dr. Fleury. Giunge il nuovo direttore ma un complesso di indizi molto seri fanno pensare alla dottoressa di trovarsi di fronte ad un caso di sostituzione di persona. Dopo qualche giorno il nuovo direttore le confessa di non essere il Dr. Edward ma di esserne l'assassino. Durante la notte quest'essere enigmatico lascia la clinica. Quando riesce a rintracciarlo, la dottoressa si convince ben presto di aver a che fare con un malato di mente...

Un chien andalou - L'âge d'or

di Luis Buñuel

"Un chien andalou" e "L'age d'or" scritti nel 1929 e nel 1930 da Dalì e Bunuel (che ne avrà la regia) rappresentano l'esperienza più significativa del cinema surrealista. Il primo è un susseguirsi di scene senza apparente connessione, che causa nello spettatore l'impressione di assistere alla messa in scena di un delirio onirico. In realtà vi sono contenuti significati molto profondi, leggibili alla luce della psicanalisi, che sono stati oggetto di numerosi studi. Nel secondo in una serie di scenette tematiche collegate tra loro, vediamo i tentativi di una coppia di "consumare" la propria relazione romantica continuamente frustrati dai valori borghesi e dai tabù sessuali imposti da istituzioni autoritarie quali famiglia, chiesa, e società.
loading...