Anton Cechov - Cineclub Arsenale APS

loading...

ANTON CECHOV

di René Féret

Durata: 96'
Luogo, Anno: Francia, 2023
Cast: Nicolas Giraud, Lolita Chammah, Robinson Stévenin, Jacques Bonnaffé, Jenna Thiam


Sinossi

Anton Cechov medico russo, scrive racconti sui giornali per integrare il suo reddito e sostenere tutta la sua famiglia. Un giorno Grigorovitch e Suvorin al tempo due tra gli scrittori ed editori più celebri in Russia, passando per casa sua, si rendono conto di quanto talento sia dotato Čechov. Il loro incontro permette al medico di farsi strada nel mondo letterario e affermarsi con successo, fino a ottenere l'ammirazione dello stesso Tolstoj. Quando suo fratello muore di tubercolosi, Anton in preda ai rimorsi, decide di rifuggire la sua crescente notorietà e ritirarsi a scrivere riguarda la depravata società del suo tempo, componendo in questo periodo alcune delle sue più brillanti opere.

In programmazione

Critica

René Fèret è uno di quei registi che sono apprezzati in patria ma che fanno fatica a passare la frontiera di Ventimiglia anche in tempi di libera circolazione delle opere dell'intelletto. La distribuzione italiana lo ha praticamente sempre snobbato ma finalmente ce n'è una che pone rimedio alle omissioni. Si tratta infatti di un autore che sembra avere nel proprio dna l'elemento familiare. Non solo perché ha attori che tornano ad essere regolarmente presenti nei suoi film o perché la moglie produce e monta questo film e la figlia è presente nell'importante ruolo di Anna ma anche perché le dinamiche che intercorrono tra consanguinei gli stanno particolarmente a cuore. Lo si può intuire dall'apertura del film quando, con una licenza narrativa, l'editore Suvorin e il critico Grigorovic vengono fatti arrivare a casa Cechov per incontrarlo e i fratelli, lui compreso, si presentano tutti con la stessa maschera a significare che tra loro non esistono distinzioni. Il rapporto con loro e in particolare con il fratello colpito dalla tubercolosi, malattia che successivamente condurrà anche Anton alla morte, nonché con la sorella Marjia occupa una buona parte della narrazione. Fèret ci accompagna nella vita di uno dei più importanti autori della letteratura mondiale mostrandoci con delicatezza anche le intime contraddizioni di un uomo che si sentiva più medico che scrittore ma che non poteva negare, salvo mettere in gioco una falsa modestia, il proprio talento. Ce lo mostra anche come un autore in grado di cogliere con grande profondità le sfumature dell'animo umano ma al contempo quasi incapace di innamorarsi appieno. La sua immersione nell'universo penitenziario di Sachalin diventa funzionale per far emergere il Cechov attento alla dimensione del sociale e al recupero di esseri umani ormai privi di una speranza nel futuro.

mymovies.it