Criminali come noi - Cineclub Arsenale APS

loading...

CRIMINALI COME NOI

di Sebastián Borensztein

Durata: 116'
Luogo, Anno: Argentina, 2020
Cast: Ricardo Darín, Luis Brandoni, Chino Darín


Sinossi

Argentina, 2001. Fermín Perlassi, ex attaccante di Alsina, sogna di comprare un silo dismesso e formare una cooperativa con la moglie e alcuni vecchi amici. Raccolto il denaro sufficiente e convinto da un burocrate senza scrupoli a depositarlo in banca, si ritrova improvvisamente impossibilitato a disporne dal Corralito, restrizione governativa alla libera disposizione della liquidità. Disperato e privato insieme ai compagni dei risparmi di una vita, si arrende al destino almeno fino al giorno in cui uno di loro non scopre per caso che il loro bancario gli ha scientemente derubati con la complicità di Manzi. Sciacallo ossessionato dal controllo, il suo socio ha fatto scavare nel mezzo del nulla una fossa per la sua cassaforte. Dentro ci sono tutti i sogni rubati alla piccola comunità rurale, fuori una porzione di quella comunità decisa a riprenderseli.


Critica

Adattamento di un romanzo di Eduardo A. Sacheri ("La noche de la usina"), Criminali come noi è una commedia proletaria su una vendetta collettiva maturata nell'Argentina della crisi economica e sociale che la investì al debutto degli anni duemila. Vent'anni dopo Sebastián Borensztein ritorna su quel disagio collettivo per trasformarlo in espressione di rinascita. A interpretarlo è un team di brava gente, persone semplici, senza malizia e una grande fiducia nel prossimo, mosso soltanto da un desiderio di giustizia. Attraverso i suoi coloriti personaggi, il film registra la reattività di un Paese alle sconfitte subite.
Chiusa, ma non seppellita, la parentesi della dittatura, i nostri si muovono tra Bakunin e Perón, riaprendo a modo loro la dialettica sociale. Se a guidarli sono i principi di un anarchico e di un generale, a illuminarli è Peter O'Toole. È il suo detective, innamorato della grazia Audrey Hepburn (Come rubare un milione di dollari e vivere felici), a suggerire a Perlassi & C. la tecnica di effrazione per riprendersi il maltolto. D'altronde è la cultura (cinematografica) il mezzo più efficace per recuperare le forze e guardare avanti.

Marzia Gandolfi, MyMovies