Cronache di poveri amanti - Cineclub Arsenale APS

loading...

CRONACHE DI POVERI AMANTI

di Carlo Lizzani

Durata: 109'
Luogo, Anno: Italia, 1953
Cast: Antonella Lualdi, Marcello Mastroianni, Anna Maria Ferrero, Wanda Capodaglio, Ada Colangeli


Sinossi

Tratto da un romanzo di Vasco Pratolini. Siamo a Firenze nei primi anni del fascismo: Mario è fidanzato con Bianca e conosce alcuni anti fascisti. Uno di questi, Campolmi, viene picchiato dalle squadracce. Mario, facendogli visita, ha modo di conoscere sua moglie e se ne innamora. Campolmi muore; Mario, che ha rotto con la fidanzata, avrebbe via libera ma per rispetto al morto rinuncia. Intanto si è compromesso politicamente e un giorno i fascisti lo portano via.


Critica

Brilla di vivacità e malinconia il film di Carlo Lizzani, adattamento dell'omonimo romanzo di Vasco Pratolini pubblicato nel 1946. Cronache di poveri amanti racchiude già nel titolo l'idea di speranze di vita e di amori ostacolati e separati da situazioni ed eventi correlati a un periodo storico instabile e conflittuale. Il regista, sulla scia di Pratolini, presenta uno spaccato di vita popolare, fatto di umanità variegata e pulsante, topograficamente collocato nella città di Firenze, ma paradigma delle aspre divisioni ideologiche nascenti nella società italiana degli anni Venti, destinate a sfociare in umane tragedie nei decenni successivi. Influenzato dal neorealismo, Lizzani si concentra sulla veridicità e sulla credibilità dei personaggi, raffigurati nella loro quotidianità; un equilibro che vacilla all'incombere dell'ombra del fascismo, che estende capillarmente il proprio controllo arrivando a spezzare violentemente ogni forma di dissenso. Un suggestivo bianco e nero accompagna l'articolata narrazione, costituita da fatti e gesti semplici e da individui altrettanto comuni. Un film affascinante e ancora oggi capace di colpire a fondo. Spicca nel cast un notevole Marcello Mastroianni. Sceneggiatura di Lizzani, Sergio Amidei, Giuseppe Dagnino e Massimo Mida; musiche di Mario Zafred. Presentato in concorso al Festival di Cannes.

longtake.it