Honeyland - Cineclub Arsenale APS

loading...

Honeyland

di Tamara Kotevska

Durata: 86'
Luogo, Anno: Macedonia, 2019
Cast:


Sinossi

Negli aspri ma straordinari paesaggi montuosi del nord della Macedonia, Hatidze Muratova vive tra i resti di un villaggio ormai abbandonato assieme alla madre Nazife, anziana, malata e con problemi di vista. Hatidze si prende cura di lei e delle sue coltivazioni di api, che accudisce da esperta e il cui miele porta poi fino a Skopje per venderlo al mercato cittadino. La vita spartana e tranquilla di Hatidze viene ravvivata da una famiglia di nuovi vicini, Hussein, moglie e sette figli. Preoccupato di come sbarcare il lunario, l'uomo si lascia ingolosire dai guadagni di Hatidze con la vendita di miele e decide di imitarla, mettendo però a rischio l'equilibrio dell'ecosistema locale.

In programmazione

Critica

Tornata nel suo villaggio deserto, nella sua povera casa senza acqua né elettricità, si prende cura di sua madre costretta a letto e mezza cieca. Va regolarmente nella capitale, Skopje, per vendere il suo miele al mercato (dove è universalmente elogiato da altri venditori e clienti), e ogni tanto ottiene qualcosa per se stessa, come la tintura dei capelli, o un ventilatore per sua madre. Quella di Hatidze sembra essere una vita modesta ma idilliaca: è una donna che si accontenta della vita quotidiana, il sorriso raramente abbandona il suo viso bruciato dal sole. Ma le cose cambiano quando una famiglia nomade, appartenente alla stessa minoranza turca di Hatidze, si trasferisce lì vicino. Il patriarca Hussein, insieme a sua moglie, sette figli e una mandria di mucche, arriva a bordo di un camion con rimorchio. Il rumore che producono è assordante nel villaggio vuoto, e da quel momento in poi non fa che peggiorare. Presto Hussein e la sua famiglia vanno in giro scatenando un putiferio, litigando e imprecando, e riuscendo a malapena a controllare il loro bestiame. Ma Hatidze li accoglie a braccia aperte e con il suo miglior brandy, giocando con i bambini particolarmente indisciplinati e facendo in modo che Hussein si interessi al miele – per lui, il prezzo di 16 euro al chilo sembra un buon affare. Quando Hussein si procura cassette di api e un compratore esigente dalla Bosnia, capiamo presto che non è un uomo che rispetterà la regola degli apicoltori di "prendere metà, lasciare metà". Senza la minima consapevolezza o preoccupazione di come trattare gli animali, e in una cieca fretta di fare soldi ad ogni costo, distrugge il delicato equilibrio ecologico come un toro in un negozio di porcellane, mettendo in pericolo le sue api e quelle di Hatidze. Kotevska e Stefanov, con contributi inestimabili del montatore e produttore Atanas Georgiev, mostrano una notevole disciplina nel rendere questo film un vero pezzo di cinema verità. Sebbene abbiano trascorso una significativa quantità di tempo con i protagonisti, come dimostrato dall'accesso senza precedenti che hanno avuto presso di loro, anche nelle scene in cui vi sono discussioni accese e lotte fisiche all'interno della famiglia di Hussein, mantengono il loro approccio strettamente osservativo. Ciò significa che il pubblico deve riempire molte lacune, ma gli viene anche lasciato spazio per percepire una trama più profonda e più importante: dall'angolazione personale di Hatidze, su come un'improvvisa corsa al profitto influenzi l'equilibrio ecologico locale, sul significato delle api per l'ambiente globale. La fotografia di Fejmi Daut e Samir Ljuma è a dir poco spettacolare, sia quando filmano la natura in ampie inquadrature, sia quando saltano camera a spalla in mezzo ai bambini di Hussein mentre lottano per trattenere le mucche, oppure seduti a lume di candela nella casa di Hatidze.

Vladan Petkovic, Cineuropa.org