La ragazza del mondo - Arsenale Cinema

loading...

La ragazza del mondo

di Marco Danieli


Sinossi

Giulia, con tutta la sua famiglia, fa parte dei Testimoni di Geova. Le regole che l'appartenenza a questo gruppo religioso le impone sono rigide e comportano una separazione nelle relazioni sentimentali con i non appartenenti alla comunità. Un giorno conosce, durante uno dei suoi impegni di proselitismo, Libero. E' un ragazzo che la colpisce immediatamente e di cui si innamora ma la sorella, che li sorprende una sera, ne parla con i genitori e la comunità viene subito coinvolta. Giulia viene diffidata dal continuare a frequentarlo, pena l'allontanamento dalla Chiesa ma decide di non arrendersi.


Critica

Ha la grazia e l'umiltà dell'opera prima, ma dimostra piena consapevolezza dell'uso del mezzo cinematografico e ha la capacità di prendere di petto tematiche, come la religione, che spaventerebbero i più navigati e benpensanti. E no, non è solo un film di denuncia, perché La ragazza del mondo di Marco Danieli, classe 1976 con alle spalle una manciata di corti e documentari e un diploma al Centro Sperimentale di Cinematografia, si rivelerà una storia dai risvolti intimisti. Una riflessione sulla costruzione della propria identità attraverso il rapporto con se stessi e con gli altri. "Ho sempre nutrito grande interesse per i temi dell'identità, della costruzione della persona, del rapporto tra individuo e collettività, spiega infatti il regista."Quello dell'ortodossia religiosa", continua, "è un contesto ideale per approfondire queste tematiche, perché la manifestazione della volontà individuale si scontra inevitabilmente con quelle che sono le sovrastrutture etiche e di pensiero della comunità".

Al centro della vicenda le inquietudini e i turbamenti di una giovane donna alla ricerca di sé: si chiama Giulia, frequenta l'ultimo anno di liceo ed è una studentessa modello. Mite, compassionevole, sostenuta dalla propria fede, se ne sta in un mondo 'altro', antico, sospeso, ovattato e scandito dai rituali imposti dalla comunità di Testimoni di Geova a cui appartiene. Non ci sono sfumature nella vita di Giulia, le uniche possibilità sono quelle definite dalle rigide regole della congregazione, perciò niente contatti con chi appartiene al 'mondo di fuori'. È spietato e feroce l'universo di Giulia: esclude, giudica, umilia e punisce qualsiasi forma di ribellione. Un rigore che a livello estetico trova espressione in spazi asettici, illuminati al neon e costruiti con precisione quasi geometrica. Un microcosmo castrante reso tanto dall'austerità degli ambienti esterni quanto dai primi piani di Sara Serraiocco. Libero sarà la sua personalissima rivoluzione copernicana, un giovane spiantato che si arrangia vivendo di spaccio e piccoli espedienti, che inciampa, si rialza, tenta la redenzione e la amerà incondizionatamente. In scena Libero ha gli occhi di Michele Riondino: il volto scavato, l'incedere di chi è in guerra contro tutti, lo slancio genuino e mai sopra le righe.

Elisabetta Bartucca, Movieplayer.it

 

Scheda
Titolo: La ragazza del mondo
Regia di: Marco Danieli
Durata: 104'
Luogo, Anno: Italia, 2016
Cast: Sara Serraiocco, Michele Riondino, Giorgio Careccia, Pippo Delbono, Andrea Mautone, Marco Leonardi, Stefania Montorsi

In programmazione