L'uomo sul treno - Arsenale Cinema

loading...

L'uomo sul treno

di Jaume Collet-Serra


Sinossi

Michael MacCauley è un pendolare che da circa vent'anni, tutti giorni feriali, si reca a New York, finché non perde il lavoro presso una importante compagnia di assicurazioni. Prima era un agente di polizia e ha ancora amici nel dipartimento, tanto che confessa la sua disgrazia all'ex partner e aspetta invece di tornare a casa per dirlo alla moglie. Sul treno del ritorno incontra però una donna misteriosa che gli offre centomila dollari in cambio della sua collaborazione: vuole che trovi una persona di cui sa solo che non si tratta di un passeggero abituale. Lui non sa se prenderla sul serio o meno finché non scopre che i soldi ci sono davvero, ma a quel punto è troppo tardi per tirarsene fuori e si ritrova costretto a stare al gioco, anche perché nel mentre l'organizzazione della donna si mostra capace di uccidere e sostiene di avere in pugno la famiglia di Michael.


Critica

Questa volta è sul treno Liam Neeson, in una sorta di lenta disintossicazione dal cinema d’azione over 50 che ha contribuito a creare 10 anni fa con Io vi troverò. Una “sorta” di disintossicazione perché in realtà il suo padre di famiglia, assicuratore con molto da perdere e una sfida terribile da affrontare nel viaggio in treno verso casa, ha un passato come agente di polizia. È una persona comune ma solo fino ad un certo punto e inevitabilmente lì finirà, allo scontro. La sorpresa però è che L’uomo sul treno non appartiene in pieno al genere di azione iperbolica e massacri a sfondo familiare che Neeson ha portato avanti dal 2012 ad oggi, è un film che chiama lo spettatore a giocare con lui alla caccia all’uomo.

Sul treno che porta ogni giorno il protagonista verso il lavoro, e poi lo riporta dal lavoro a casa, c’è un passeggero da individuare, qualcuno che ha in mano la sua famiglia vuole che proprio questo assicuratore che ha appena perso il lavoro lo trovi. In palio non solo la vita dei suoi familiari ma anche una grossa somma di denaro che in questo momento della sua vita gli farebbe davvero comodo.

Lui, che è pendolare, i viaggiatori abituali li conosce tutti e quindi può restringere il cerchio ai soli passeggeri occasionali, in più il suo passato da poliziotto gli fornisce le doti giuste per una rapida indagine e lo spirito d’osservazione che serve per notare dettagli fondamentali. Il viaggio del treno dura un’ora ma sarà molto più lungo del previsto.

Per la prima volta dai tempi di The Grey (che rimane il momento più alto della sua carriera d’azione), si può dire che Liam Neeson sia al centro di un buon film d’azione, uno che sa creare davvero un personaggio e non semplicemente mettere uno stereotipo dentro una situazione, uno che ha una sceneggiatura sensata, precisa e corretta e che infine sa molto bene quando e come regalarsi l’escapismo di violenza ed esplosioni. Non un tappeto di azioni allucinanti ma un premio al termine di una lunga gara di intelligenza e deduzione.

Non c’è nessun omicidio eppure la dinamica non è troppo diversa dai film gialli in cui occorre scoprire un assassino e il pubblico è in gara con il detective. Anche qui infatti chi guarda è chiamato ad indagare con Liam Neeson. Non ne sappiamo più di lui, non abbiamo indizi che lui non possieda e la regia di Jaume Collet-Serra (alla quarta collaborazione con Neeson) fa in modo che noi come lui possiamo osservare tutti i passeggeri, ne sottolinea i movimenti sospetti, inquadra da vicino i dettagli che potrebbero essere rilevanti e ci fa riflettere sulle stesse cose su cui, apparentemente, riflette il protagonista. In questa maniera in tutta la prima parte scambia l’azione che solitamente domina questi film con una sorta di mystery game. Accumulando indizi L’uomo sul treno crea una suspense tutta sua, fatta di tempo che passa (scandito dalle varie fermate), passeggeri da eliminare dalla lista e minacce incalzanti.

Ovviamente poi nella risoluzione finale entrerà un filmmaking più convenzionale, con il doppio gioco svelato, la ribellione alla missione affidatagli e moltissima azione ad alti livelli (come sempre quando sono coinvolti dei treni in movimento). È questo probabilmente il modo in cui Neeson con calma prende le distanze da un cinema d’azione che vorrebbe fare sempre meno. Pur incarnando il medesimo personaggio di sempre (un uomo retto e nobile, con famiglia minacciata via telefono e un passato di violenza e addestramento che gli torna utile) stavolta contamina il suo superomismo esagerato con una fragilità molto forte, un’incapacità e un senso d’inadeguatezza che porta con sè un po’ più di brivido nelle scene d’azione.

Gabriele Niola, wired.it

 

Scheda
Titolo: L'uomo sul treno
Regia di: Jaume Collet-Serra
Durata: 104'
Luogo, Anno: USA, 2018
Cast: Liam Neeson, Vera Farmiga, Patrick Wilson, Sam Neill, Elizabeth McGovern, Jonathan Banks

In programmazione