Mi obra maestra - Arsenale Cinema

loading...

Mi obra maestra

di Gastón Duprat


Sinossi

Arturo, un gallerista affascinante, raffinato e spregiudicato, è il titolare di una galleria d’arte nel centro di Buenos Aires, una città che ama molto. Renzo, un pittore cupo, un po’ selvatico e in evidente declino, detesta i rapporti sociali e vive quasi in povertà. Tuttavia, nonostante le differenze abissali, sono grandi amici. E questa commedia, infatti, parla di amicizia. Dal regista del pluripremiato Il cittadino illustre.


Critica

È impossibile riassumere la trama di Il mio capolavoro senza rovinare le tante sorprese di una storia che si segue come una commedia spassosa per situazioni e battute fulminanti, ma si sviluppa come un thriller e raggiunge conclusioni inaspettate.

Forse il modo migliore è quello leggerlo come un buddy movie, ovvero la storia di un'amicizia pluriennale e profonda fra due uomini vicini alla terza età e dediti all'arte, l'uno da un'angolazione commerciale, l'altro da una prospettiva puramente estetica.

È l'arte infatti la femme fatale di Il mio capolavoro, quell'arte che talvolta può creare la realtà invece di limitarsi a rappresentarla, e che lega fra loro i pochi individui che la capiscono davvero, ingannando tutti gli altri. Il mondo che circonda l'arte contemporanea, fatto di appassionati, critici e geni incompresi, è descritto in tutta la sua superficiale volubilità e in tutta la sua inconsistenza. Gaston Duprat, regista e sceneggiatore, ha già firmato L'artista e Il cittadino illustre, due ottime commedie argentine che avevano a che fare con la natura complessa del lavoro creativo, il primo parlando direttamente di pittura contemporanea, il secondo di letteratura. Accanto a Duprat c'è qui il produttore e amico di sempre, Mariano Cohn, anche co-regista de L'artista.

Paola Casella, mymovies.it

 

Scheda
Titolo: Mi obra maestra
Regia di: Gastón Duprat
Durata: 100'
Luogo, Anno: Argentina, 2018
Cast: Guillermo Francella, Luis Brandoni, Raúl Arévalo

In programmazione