Old - Cineclub Arsenale APS

loading...

OLD

di M. Night Shyamalan

Durata: 90'
Luogo, Anno: USA, 2021
Cast: Gael García Bernal, Vicky Krieps, Rufus Sewell


Sinossi

Guy e Prisca stanno attraversando un momento difficile, ma tengono tutto nascosto ai figli Trent e Maddox, per non rovinare loro la vacanza speciale che si accingono a vivere: un periodo di relax in un resort esclusivo e poco noto. La proposta dei gestori del villaggio turistico di accedere a una spiaggia oceanica incontaminata sembra impossibile da rifiutare, ma presto i Capa scopriranno che il luogo nasconde un segreto.

In programmazione

Critica

Il gioco a cui M. Night Shyamalan ci e si sottopone, adattando molto liberamente la graphic novel "Castello di sabbia", agisce su più livelli e più dimensioni. Tra queste l'attraversamento della quarta parete gioca un ruolo rilevante. La consapevolezza di essere, nonostante molteplici sforzi, conosciuto principalmente da Il sesto senso in avanti come "il regista dei twist (semplificando potremmo renderli con "colpi di scena") diviene, da possibile prigione, occasione ideale per prendersi gioco del proprio pubblico e del proprio cinema. Dove "gioco" non deve apparire come accezione irridente, bensì come "rimettere in gioco", nella forma più alta di rispetto e di approccio libero alla materia narrata.

Le produzioni recenti di Shyamalan sembrano insistere sull'idea che non occorre aggrapparsi disperatamente all'elemento narrativo, ossia a ciò che lo ha reso celebre in un primo momento, ma che questo rappresenta solo un velo - furbescamente cucito su una trama di genere - per celare profonde riflessioni sullo stato della società contemporanea. Sui ceti sociali che la costituiscono e sul loro bisogno di sicurezze che ribadiscano le distanze; sulla famiglia come elemento fondante, sempre più messo in discussione e alla prova, ma ancorato alla storia dell'uomo da una simbiosi antica e inscindibile.

Dal regista di Il sesto senso al creatore della geniale serie TV Servant è passata un'epoca di cambiamenti radicali e di evoluzione di un percorso autoriale. Lo Shyamalan di oggi ha sempre meno bisogno di rientrare in parametri mainstream e si muove liberamente, anche in senso letterale, grazie a una folle macchina da presa che non disdegna di avanzare e indietreggiare bruscamente.

Emanuele Sacchi, mymovies.it