PLAYMOBIL: THE MOVIE - Cineclub Arsenale APS

loading...

PLAYMOBIL: THE MOVIE

di Lino DiSalvo

Durata: 99'
Luogo, Anno: Francia, 2019
Cast:


Sinossi

La protagonista è una giovane ragazza di nome Marla. Conduce la sua normale vita quando di colpo viene catapultata in un mondo sconosciuto. Si ritrova in una realtà parallela, quella di Playmobil. Nulla è come sembra e ben presto Marla avrà modo di rendersene conto. Tante le preoccupazioni, dovute ai molti potenziali pericoli. Nella sua mente però c’è un solo pensiero fisso: ritrovare suo fratello e tornare insieme nella propria realtà. Il fratellino disperso si chiama Charlie e, come Marla, anche lui è stato tramutato da umano in giocattolo. Nel mondo nel quale si ritrovano la magia è una componente molto potente. Charlie è infatti stato tramutato in un potente guerriero vichingo. La sua potenza lo pone nel mirino di un personaggio inizialmente non ben identificato. Questi lo rapisce e intende sfruttarlo per i suoi piani.

In programmazione

Critica

Il lungometraggio “Playmobil: The Movie” intende celebrare il 45° anniversario della creazione della nota linea di giocattoli tedesca, che dalla sua nascita fino ai nostri giorni continua ad affascinare generazioni di bambini in tutto il mondo. A differenza dei diretti concorrenti Lego, che hanno ampliato il loro campo d’azione proponendo da qualche anno film a tema che hanno per protagonisti i famosi mattoncini, la ditta tedesca ha stentato prima di arrivare sul grande schermo. Arrivano però in sala con un film divertente che coinvolge grandi e piccini in un susseguirsi di avventure con una variegata ambientazione che vede coinvolti numerosi protagonisti. Punto di forza di “Playmobil: The Movie” è l’aver proposto in un unico racconto numerose famiglie di personaggi Playmobil, che spaziano dai vichinghi agli antichi romani, ai pirati, agli uomini primitivi, alle avventure spaziali, agli agenti segreti e altro ancora, sovrapponendo epoche e storie, come fanno i bambini, per i quali è normale viaggiare con la fantasia e far coesistere in un unico gioco dinosauri, bambole e quant’altro.

ecodelcinema.com