SELFIE - Arsenale Cinema

loading...

SELFIE

di Agostino Ferrente


Sinossi

Due ragazzi si auto-riprendono in un video-selfie con l’iPhone di Agostino Ferrente, il regista, per raccontare la propria vita quotidiana. Così Selfie ci mostra le immagini dello stesso quartiere dove è morto un sedicenne, Davide, nell’estate del 2014, colpito durante un inseguimento da un carabiniere che lo ha scambiato per un latitante. Anche Alessandro e Pietro hanno sedici anni, sono amici per la pelle, abitano a pochi metri di distanza l’uno dall’altro. I due raccontano attraverso l’occhio della telecamera quella che è l’amicizia che li lega, il quartiere che si svuota in estate, la tragedia di Davide. Aiutati dalla guida del regista e della troupe, oltre che fare da cameraman, i due interpretano se stessi, guardandosi nel display del cellulare come se fosse uno specchio dal quale rivedere la propria vita.


Critica

Alessandro e Pietro sono due sedicenni che vivono nel Rione Traiano di Napoli dove, nell'estate del 2014 Davide Bifolco, anche lui sedicenne, morì ucciso da un carabiniere che lo inseguiva avendolo scambiato per un latitante. I due sono amici inseparabili. Alessandro ha trovato un lavoro da cameriere in un bar mentre Pietro, che ha studiato per diventarlo, cerca un posto da parrucchiere. I due hanno accettato la proposta del regista di riprendersi con un iPhone raccontando così la loro quotidianità di ragazzi come tanti altri nel mondo. Ferrente gli ha chiesto se era disposto a riprendere l'evento e se stesso con il suo iPhone. Quando ha visto il girato e la sincera commozione di Alessandro per l'evento a cui stava partecipando ha pensato che quello potesse essere il modo di raccontare la vita di un ragazzo della stessa età dello scomparso. Il mattino dopo gli si è presentato Pietro dicendogli che aveva saputo e che se si fosse ripresa la vita dell'amico senza raccontare anche la sua si sarebbe realizzato un falso.

È nato così un documentario che ha una fondamentale valenza didattica senza però caricarsi delle zavorre che spesso la didattica porta con sé. Perché parlare di didattica e pensare che si tratta di un film che il MIUR dovrebbe distribuire (magari sottotitolato) nelle scuole non solo di Napoli e dintorni? Perché viviamo in un'epoca in cui Gomorra – La Serie ha diffuso nel mondo un'immagine di Napoli e, in particolare, della sua componente giovanile, che questo film al contempo conferma e corregge. La conferma perché non mancano le auto-testimonianze di chi sa come distinguere tra arma e arma così come quella di una bella ragazza già mentalmente pronta ad un futuro di visite in carcere a colui che potrebbe diventare suo marito (purché ci sia l'amore). Ci sono però, a contrasto, le vite dei due protagonisti che non si presentano come eroi ma come due ragazzi che vanno in motorino senza casco ma sanno distinguere tra il bene e il male e, anche se ne sono circondati, hanno trovato il modo di resistere alle tentazioni che provengono da una realtà lasciata totalmente a se stessa dalle istituzioni. La scelta di permettere che siano loro stessi a raccontarsi e narrare il loro day by day utilizzando un mezzo che ben conoscono come l'iPhone è doppiamente vincente.

Lo è perché gli ha consentito di essere al contempo soggetto e oggetto del proprio sguardo sul mondo offrendoci, pur con qualche sacrificio di tagli realizzati in montaggio, un ritratto liberato dagli stereotipi. Lo è anche perché non si poteva far comprendere meglio il senso di una vita assurdamente stroncata come quella di Davide Bifolco. Alessandro e Pietro sono come era lui: due ragazzi come tanti. Anche se vivono a Napoli. Anche se la loro casa è nel Rione Traiano.

Giancarlo Zappoli, mymovies.it

 

Scheda
Titolo: SELFIE
Regia di: Agostino Ferrente
Durata: 78'
Luogo, Anno: Italia, 2019
Cast: Alessandro Antonelli, Pietro Orlando

In programmazione