Zombie contro Zombie - Arsenale Cinema

Zombie contro Zombie

Mercoledì 7 Novembre 2018

Ci sono film che diventano cult e ci sono film che nascono cult. Il folgorante Zombie contro Zombie appartiene, senza ombra di dubbio, a questa seconda categoria. Anzi, no, non le appartiene: la rappresenta in tutto e per tutto! Sotto il profilo cinematografico, grazie a una struttura che moltiplica i piani narrativi e grazie alla capacità di fondere commedia e horror, risate e splatter, come non succedeva da anni. Sotto il profilo dell’orgoglio indie, perché trasforma i limiti evidentissimi del low budget (del low low low budget) nella più sfacciata libertà creativa. E, ovviamente, sotto il profilo della produzione e del marketing, visto che Zombie contro Zombie è passato in un battere di ciglia dall’essere un bizzarro outsider al diventare un clamoroso fenomeno, pronto a sbarcare in Italia.


Zombie contro Zombie

di Shinichirou Ueda

Un film sugli zombie è in lavorazione. Il regista Higurashi non è soddisfatto della resa dell'attrice protagonista, Chinatsu, le cui reazioni di fronte all'attacco di uno zombie gli sembrano troppo finte, non realistiche. L'attore che fa lo zombie, Ko, cerca di confortarla, ma Chinatsu è davvero preoccupata per la situazione. Nao, la truccatrice, spiega ai due che la location in cui si trovano è maledetta: si dice infatti che sia stata usata tempo addietro dall'esercito giapponese per misteriosi esperimenti su cavie umane miranti a riportare in vita i morti. Un membro della troupe viene improvvisamente attaccato da quello che lui crede un attore truccato da zombie, ma è invece uno zombie vero. Nao, Chinatsu e Ko riescono miracolosamente a chiudere fuori lo zombie e il membro della troupe zombificato, ma vedono con sconcerto Higurashi che imperterrito filma il tutto: finalmente riesce ad avere il realismo che desiderava e non vuole perdere l'occasione. Per ottenere l'azione che cerca Higurashi non si perita di mettere Nao e i due attori in pericolo, dando vita a una concitata lotta per la sopravvivenza.
 
loading...