Dio esiste e vive a Bruxelles - Cineclub Arsenale APS

loading...

Dio esiste e vive a Bruxelles

di Jaco Van Dormael

Durata: 113'
Luogo, Anno: Belgio, 2015
Cast: Benoît Poelvoorde, Catherine Deneuve


Sinossi

Dio esiste e vive a Bruxelles con una moglie timorosa e una figlia ribelle. Il figlio, più celebre di lui, è fuggito molti anni prima per conoscere gli uomini più da vicino, morire per loro e lasciare testimonianza e testamento ai suoi dodici apostoli. Egoista e bisbetico, Dio governa il mondo da un personal computer facendo letteralmente il bello e il cattivo tempo sugli uomini. Ostacolato da Ea, decisa a seguire le orme del fratello e a fuggire il 'suo regno', la bambina si 'confronta' con JC (Jesus Christ) ed evade dall'oblò della lavatrice. Espulsa dentro una lavanderia self-service infila la via del mondo, recluta sei apostoli e si prepara a combattere l'ira di Dio, a cui ha manomesso il computer e di cui ha denunciato il sadismo, spedendo agli uomini via sms la data del loro decesso.


Critica

Dio è un essere volgare che tiranneggia la moglie e i figli e governa il mondo con il computer in base al principio "odia il prossimo tuo". JC, il figlio maggiore, è fuggito e ha cercato di rimediare agli errori del padre, ma ha fallito. Ci riprova Ea, la figlia di 10 anni, che invia a tutti gli uomini una mail con la loro data di morte. "Fu giudicato da molti il film più delirante presentato quest'anno a Cannes" (Guillaume Gas). Opera d'arte cinematografica totale che fluisce e refluisce continuamente dal comico al tragico, dal dramma alla satira, dall'ironia alla poesia, dall'iperreale al surreale, dal grottesco all'epico, in un fuoco d'artificio di invenzioni narrative, figurative e registiche di altissimo livello che sorprendono e spiazzano fino a rapirti nella visione e a trasportarti nella dimensione della pura fantasia. L'assunto di partenza - l'esistenza di un Dio sadico che si diverte a torturare gli uomini - può sembrare un'idea balzana: si tratta invece di un'eresia gnostica risalente al I secolo a.C., che fu ripresa nel XII dalla chiesa dei catari, poi annientata con una crociata (1208) dalla chiesa cattolica.

Il Morandini