Il rifugio (Canto XXV) - Cineclub Arsenale APS

loading...

Il rifugio (Canto XXV)

di Guy Massaux

Durata: 20'
Luogo, Anno: Italia, 2015
Cast: Recitativo e lettura: Arnoldo Foà Diego Giannettoni (Bianco) detto D., Andrea Nencini (Nero) detto A.


Sinossi

Questa scena a “porte chiuse” si svolge, principalmente in una stalla, contigua all’abitazione principale del Podere. La separazione tra i due ambienti è determinata, in particolare, da un muro di mattoni rossi, soglia o «parete» che ribalta, e fa scivolare la scena, per mezzo di porte e finestre, da uno spazio all’altro: dall’interno del Podere verso l’esterno. La sequenza propone due facce di una stessa medaglia, il suo rovescio e il suo dritto, accostati (giustapposti) sulla stessa superficie, nello stesso luogo. Lo sguardo è attraversato da dei varchi - porte e finestre non celate, telai rimossi -certi scorci di muri e pareti ci rimandano agli affreschi del trecento (XIII) – giotteschi. La sequenza tiene conto della topologia interiore del luogo in tutte le sue articolazioni.