My Brother's Name is Robert and He is an Idiot - Cineclub Arsenale APS

loading...

My Brother's Name is Robert and He is an Idiot

di Philip Gröning

Durata: 174'
Luogo, Anno: Germania, 2019
Cast: Josef Mattes, Julia Zange, Urs Jucker


Sinossi

Un weekend d’estate. Due gemelli, Elena (Julia Zange) e Robert (Josef Mattes), passano le giornate in mezzo alla campagna, nei pressi di un rivenditore di benzina. Robert sta aiutando Elena a preparare l’esame di filosofia che dovrà sostenere qualche giorno dopo, ma quel fine settimana sarà soprattutto una prova decisiva per capire la natura del loro rapporto.

In programmazione

Critica

Non è certo nuovo a film complessi e pronti a far discutere Philip Gröning, regista tedesco che si era fatto conoscere con il documentario Il grande silenzio (2005). Cinque anni dopo La moglie del poliziotto (2013), l'autore si concentra nuovamente sulla natura dei rapporti familiari, dando vita questa volta a una pellicola inerente al rapporto simbiotico fra due gemelli, entrambi desiderosi di un’indipendenza che sembra impossibile da raggiungere (si vedano i diversi momenti in cui i personaggi sono leggermente distanti e a turno si avvicinano l’uno all’altra). Attraverso scelte provocatorie e spunti filosofici (viene esplicitamente citato Heidegger, riferimento evidente per l’intera opera), l’autore tedesco realizza una pellicola sul senso del tempo, sull’attimo presente, che riesce ad approfondire efficacemente la psicologia di Robert e Elena, protagonisti di una relazione divisa tra tenerezze e sfoghi violenti, gelosie e turbamenti reciproci.

longtake.it