The Conjuring - Per ordine del diavolo - Cineclub Arsenale APS

loading...

THE CONJURING - PER ORDINE DEL DIAVOLO

di Michael Chaves

Durata: 112'
Luogo, Anno: USA, 2021
Cast: Vera Farmiga, Patrick Wilson, Ruairi O'Connor


Sinossi

Nel 1981, a Brookfield, Connecticut, i coniugi demonologi e ricercatori del paranormale Ed e Lorraine Warren compiono un esorcismo su un bambino di otto anni. Durante la procedura, il ventenne Arne Johnson, fidanzato della sorella del bambino, volendo proteggere il piccolo chiede al demone di impossessarsi della sua anima. Tempo dopo, spinto dalla forza incontrollabile del demone, Arne uccide un uomo e viene per questo arrestato e processato. Convinti dell'innocenza del ragazzo, Ed e Lorraine indagano sull'origine dell'esorcismo e scoprono la maledizione di una misteriosa satanista.

In programmazione

Critica

Questa storia, che non spoileriamo per lasciarvi il piacere di scoprirla al cinema, cambia sostanzialmente rispetto ai primi due film. Molto più thriller che classico horror, richiedo ritmi ed esecuzione diversi. Ma per non perdere “lo stile Conjuring”, gli sceneggiatori ce la presentano con lo stesso intreccio, pur cambiando gli elementi. Dall’introduzione con un caso parallelo, al titolo del film che appare sullo schermo quando il maligno ricompare, fino al finale in cui i Warren devono rischiare tutto per salvare le vittime. Passando persino per il classico “tracking shot” della famiglia oggetto delle indagini. Se non vedete la serie dall’uscita in sala del Caso Enfield potreste non accorgervene, ma abbiamo visto i due primi capitoli nelle serate antecedenti l’anteprima e l’intenzione è evidente.

Il risultato è qualcosa di familiare, che chiarisce subito che il film vuole offrire le stesse emozioni, pur con una trama che devia dal tracciato. I fan che seguono la serie per l’horror in sé saranno soddisfatti di questa decisione, pur lamentando qualche scelta poco originale.

Chi invece adora le storie dei veri Ed e Lorraine Warren per le loro indagini occulte, potrebbe restare deluso. L’episodio della difesa in tribunale per possessione demoniaca serve più che altro per settare le aspettative e far scattare la trama. I dettagli della vicenda sono accantonati per dare spazio a un horror molto meno “storico”. Chi come noi è poco interessato a questo aspetto, non sentirà la mancanza delle apologie verso i sensitivi e gli esorcisti: basta credere a questo cose all’interno dell’universo del film, non serve che esistano anche al di fuori. Preferiamo spaventarci solo al cinema.

orgoglionerd.it