VIA ARGINE 310 - Cineclub Arsenale APS

loading...

VIA ARGINE 310

di Gianfranco Pannone

Durata: 70'
Luogo, Anno: Italia, 2022
Cast: Giancarlo Siani


Sinossi

2021: 426 operai in cassaintegrazione della multinazionale di elettrodomestici Whirlpool di Napoli rischiano di essere licenziati e lottano per il loro posto. Questa, infatti, è la storia di una fabbrica che potrebbe scomparire entro l'anno, di un nucleo agguerrito di operai specializzati sull'orlo del licenziamento e anche di un personaggio del nostro cinema che non ha dimenticato le proprie origini proletarie.

L'attore e regista Alessandro Siani, figlio di operai campani, solidarizza con i cassaintegrati fermandosi davanti ai cancelli di Via Argine 310, al presidio, scambiando con loro opinioni, battute, storie di vita intorno al fuoco che riscalda le ancora fresche giornate di tarda primavera. E partendo da quel fuoco simbolico, prendono vita le vicende di alcuni operai, ciascuno di loro intervistato sulla propria vicenda personale e "pedinato" durante le giornate passate al presidio.

In programmazione

Critica

Non è un caso che Gianfranco Pannone nel corso della sua trentennale attività abbia girato un solo film di fiction. È un documentarista per vocazione, ha il documentario nel suo dna. Il napoletano Pannone, uno dei migliori autori italiani di documentari della sua generazione, ha realizzato documentari lunghi e brevi (Piccola America, L’America a Roma, Latina/Littoria, Il sol dell’avvenire, Sul vulcano, L’esercito più piccolo del mondo, Lascia stare i santi, Mondo Za, Scherza con i fanti, Onde radicali), con i quali ha ottenuto diversi riconoscimenti nazionali ed europei. Ha sempre affrontato le tematiche più diverse con il piglio della denuncia ma al tempo stesso con la sensibilità e l’intento di raccontare gli aspetti umani di una comunità, di entrare nelle dinamiche dei rapporti tra gli individui. Via Argine 310, presentato in anteprima alla 17a edizione della Festa del Cinema di Roma per poi essere distribuito dalla fine di novembre in varie città italiane partendo proprio da Napoli, conferma le caratteristiche espressive e stilistiche dell’autore. Un documentario che segue, lungo dodici mesi la vicenda degli ex lavoratori Whirlpool di Napoli – Ponticelli, conclusasi pochi mesi fa con il licenziamento di 316 operai dopo la brusca chiusura del sito. Tre anni prima quegli stessi operai avevano tenacemente dato vita al presidio «Whirlpool – Napoli non molla» tuttora esistente, nell’ex dopolavoro, in quella Via Argine, indirizzo storico, che per decenni ha ospitato lo stabilimento della multinazionale americana della lavatrice. Speranze, paure, desideri e tanta rabbia si distribuiscono lungo il film grazie alle testimonianze di alcuni degli operai mobilitati da ben tre anni segnati da un susseguirsi di incontri tra i rappresentanti del Governo, del Ministero, dei sindacati, dei vertici dell’azienda americana e degli amministratori italiani, di contraddittorie dichiarazioni di investimenti, di accordi siglati e poi non rispettati, di smentite, di capovolgimenti di posizioni, di minacce di licenziamenti. Le loro sono storie in bilico tra la legittima paura di perdere il posto fisso e le preoccupazioni per i propri figli nella città dove più che altrove la precarietà è un dato reale. A storicizzare questa grave incertezza lavorativa alcuni brani tratti dal romanzo La dismissione di Ermano Rea, letti da Alessandro Siani che era appena un ragazzo, quando suo padre, operaio specializzato all’Alfasud di Pomigliano, subì per lungo tempo la cassa integrazione. Siani voce fuori campo ma anche presente a un incontro degli operai per testimoniare la sua solidarietà e la condivisione di una condizione che riguardava anche lui.

Alberto Castellano, Ilmanifesto.it